jump to navigation

Dispersi d’estate (15) – Se non ti senti grasso, ma fuori forma, allora Run, Fat Boy, Run 15/08/2011

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Dispersi d'estate, Film, Video e trailer.
trackback

Ogni anno nel mondo vengono prodotti circa 25 mila film. In Italia ne arrivano a malapena 500. Gli altri si disperdono nei buchi neri della distribuzione. Hideout.it da anni si occupa di recuperare il buono dei dispersi con rassegne, un sito, un festival e il libro “Dispersi. Guida ai film che non vi fanno vedere”. Nell’indolenza dell’estate, un buon film rinfresca più di un ghiacciolo, perché un disperso al giorno toglie l’afa di torno…

Se non ti senti grasso, ma fuori forma, allora Run, Fat Boy, Run

Tra i Dispersi non ci sono solo film d’autore, etnici o “lenti”. Sempre più spesso, a non venir distribuiti, sono le commedie. Tra queste anche questa edificante e divertente storia sull’amore e la forma fisica con Simon Pegg, forse uno dei più amati attori comici inglesi della sua generazione, diretta dal Ross di Friends.

Titolo: “Run, Fat Boy, Run”
Regia: David Schwimmer
Sceneggiatura: Michael Ian Black, Simon Pegg
Fotografia: Richard Greatrex
Montaggio: Michael Parker
Musica: Alex Wurman
Interpreti principali: Simon Pegg, Thandie Newton, Hank Azaria, Dylan Moran, Harish Patel
Produzione: Entertainment Films, Material Entertainment, Beech Hill Films
Origine: Gran Bretagna, 2007
Durata: 100′
Colore


Recensione di Carlo Prevosti, apparsa originariamente qui

Dopo aver abbandonato sull’altare la futura moglie e madre di suo figlio, Dennis trascorre i suoi giorni nel tentativo di riconquistare il cuore della sua amata. Lei però ora sta con un manager rampante che vorrebbe sposarla e che ama correre le maratone. Dennis, pur di dimostrare a Libby che la ama ancora, trova il modo di iscriversi alla maratona. Arrivare alla fine dell’ultimo chilometro significherà molto per Dennis, ma anche per le persone che gli stanno vicino.

Se vuoi vedere il film con la traduzione italiana, scarica i sottotitoli su ItalianSubs

“Non sono grasso, sono fuori forma”: questo è il mantra che ripete quotidianamente Dennis. Pancia prominente, fiato corto, sguardo assente tra il sognate e lo stralunato e un irrecuperabile spirito incapace di fare fronte alle responsabilità della vita. Dennis è così, un adolescente che non vuole crescere, incapace di portare a termine qualsiasi cosa anche a un passo dal traguardo (o dall’altare). Innamorato perso della fidanzata Libby, da cui aspetta un figlio, Dennis fugge all’idea del matrimonio ma non da quella di continuare ad amarla. Una vita sprecata, cinque anni nel tentativo di recuperare quello che è stato perso senza però rinnegare la sua scelta. Per fortuna c’è un bambino in mezzo, che Dennis adora e con cui c’è un rapporto privilegiato proprio per il suo carattere infantile.

Come accade fra adolescenti, quando Dennis scopre che nella vita di Libby c’é un altro uomo, nasce subito uno spirito di competizione che li mette uno contro l’altro, utilizzando ciascuno le armi a propria disposizione. Dennis accetta così la sfida impossibile di portare a termine la Maratona di Londra solo per dimostrare a Libby come è cambiato, ma anche perché il suo migliore amico ha scommesso tutto sulla sua riuscita e il suo padrone di casa lo ha minacciato di buttarlo fuori se non fosse arrivato al traguardo. Solo in questo modo Dennis comincia a fare sul serio.
Simon Pegg si è costruito una commedia che potrebbe essere una versione maschile de Il diario di Bridget Jones, carico dell’irriverente ironia del biondo attore inglese. Da L’alba dei morti dementi e Hot Fuzz è passato parecchio tempo, ma lo spirito goliardico di Pegg (visto anche in Star Trek di J.J. Abrams) rimane immutato e si riconosce dai finali esplosivi capaci di stupire, far ridere e, in questo caso, anche un po’ commuovere.
La storia è risaputa. Lei lascia lui e si mette con un altro, che non è quello giusto.

Lui fa di tutto per tornare da lei e alla fine ci riesce dimostrando che l’altro è uno stronzo. Non è certo il plot della storia a colpire nel film di David Schwimmer, semmai è tutto il corollario di personaggi che gravitano attorno a Pegg a creare un’alchimia gradevole e appassionante che si conclude con la lunga diretta televisiva dello Maratona di Londra (un mega spottone alla casa di abbigliamento sportivo col baffo).

Curiosità
Run Fat Boy Run è il film d’esordio alla regia di David Schwimmer, meglio noto come Ross di Friends. In precedenza aveva girato quattro film per la tv e numerosi episodi di serie televisive.


Trailer originale:

Pubblicità

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: