jump to navigation

Edicola – “Topolino” n° 2908: Paperoga e Paperetta YeYe ”visitano” il Centro di Produzione Rai di Torino 17/08/2011

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Comunicati, Disney, Fumetti, Topolino.
trackback

topolinoDa oggi è in edicola il nuovo numero (2908) del settimanale di casa Disney “Topolino” (164 pagine, prezzo di copertina 2,30 €).
Questo numero ospita una curiosa iniziativa: in “Ferragosto alternativo”, una storia tra disegni e graphic journalism, Paperoga e Paperetta Ye’ Ye’ visitano il Centro di Produzione Rai di Torino, tra laboratori, magazzini e pezzi di storia della TV italiana.
A seguire, la copertina del numero e maggiori informazioni sull’iniziativa.

A seguire, un comunicato sull’iniziativa.

RAI: DUE PAPERI ALLA SCOPERTA DEL CPTV DI TORINO

Sul numero di Topolino del 17 agosto una “prima” assoluta: Paperoga e Paperetta Ye’ Ye’ visitano il Centro di Produzione Rai del capoluogo piemontese, tra laboratori, magazzini e pezzi di storia della Tv italiana.

Da Paperopoli a Torino, per passare le vacanze alla scoperta del Centro di Produzione Tv di Via Verdi: un’avventura insolita – con sorprese continue – per Paperoga e a Paperetta Ye’ Ye’, i due personaggi Disney protagonisti del reportage a fumetti Rai, magazzini vacanze all’interno del numero di “Topolino” del 17 agosto. Un viaggio – anche virtuale sul sito www.topolino.it, con una ricca galleria fotografica – alla scoperta di quanto viene realizzato negli studi torinesi, ma soprattutto dei “dietro le quinte”, tra studi, laboratori dove si produce di tutto, e magazzini con migliaia di oggetti, costumi e scenografie ancora utilizzati o che appartengono alla storia della Tv italiana, che è nata proprio a Torino.

Paperino e Paperetta Ye’ Ye’ – raccontano le sei pagine della storia firmata da Francesca Agrati e disegnata da Giuseppe Ferrario sul settimanale Disney – si sono entusiasmati davanti ai costumi storici (che hanno voluto provare personalmente) o ai pezzi di modernariato; hanno incontrato sarti e scenografi, e hanno visitato l’Auditorium, sede dell’Orchestra Sinfonica Nazionale Rai, e il Museo della Radio e della Televisione con la sua collezione unica di strumenti che hanno segnato la storia delle comunicazioni. Meta della visita, inoltre, la Bibliomediateca di Via Verdi 31 – sempre aperta al pubblico – dove i due paperi si sono “persi” nelle ricerche all’interno del grande Catalogo Multimediale che raccoglie circa due milioni di ore di programmi tv e radiofonici del passato remoto e recente.

E’ la prima volta che una storia simile – realizzata con la tecnica del graphic journalism – viene ambientata all’interno di un Centro di Produzione televisivo, specializzato tra l’altro nei programmi per i ragazzi, oltre che nell’informazione scientifica: un modo nuovo per raccontare al pubblico dei più giovani – ma non solo – quanto viene realizzato dalla Rai a Torino, un laboratorio di idee e, insieme, una “fabbrica” della Tv del servizio pubblico.

Annunci

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: