jump to navigation

Dispersi d’estate (18) – Chi strizza il cervello dello strizzacervelli delle star? 18/08/2011

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Dispersi d'estate, Film, Video e trailer.
trackback

Ogni anno nel mondo vengono prodotti circa 25 mila film. In Italia ne arrivano a malapena 500. Gli altri si disperdono nei buchi neri della distribuzione. Hideout.it da anni si occupa di recuperare il buono dei dispersi con rassegne, un sito, un festival e il libro “Dispersi. Guida ai film che non vi fanno vedere”. Nell’indolenza dell’estate, un buon film rinfresca più di un ghiacciolo, perché un disperso al giorno toglie l’afa di torno…

Chi strizza il cervello dello strizzacervelli delle star?

Tra i Dispersi non ci sono solo film d’autore, etnici o “lenti”. Sempre più spesso, a non venir distribuiti, sono film indipendenti dal cast stellare. Questo è il caso di Shrink con Kevin Spacey e Robin Williams, che pur soffrendo di una sceneggiatura a volte superficiale, si diverte a ironizzare con serietà sulle stelle di Hollywood.

Titolo: “Shrink”
Regia: Jonas Pate
Sceneggiatura: Thomas Moffett
Fotografia: Lukas Ettlin, Isaac Phillips
Montaggio: Luis Carballar
Musica: Ken Andrews, Brian Reitzell
Interpreti principali: Kevin Spacey, Mark Webber, Saffron Burrows, Griffin Dunne, Pell James, Keke Palmer, Robin Williams
Produzione: Ignite Productions, Ithaka Entertainment, Trigger Street Productions
Origine: Usa, 2009
Durata: 104′
Colore


Recensione di Alberto Brumana, apparsa originariamente qui

Henry Carter è lo strizzacervelli delle star di Hollywood. Da lui passano attori, agenti e personaggi del mondo dello spettacolo per risolvere i loro problemi. Ma la vita di Henry non è così rosea come si possa pensare.

Se vuoi vedere il film con la traduzione italiana, scarica i sottotitoli su ItalianSubs

Shrink, in inglese, significa strizzacervelli. Ma il verbo da cui deriva questo vocabolo, to shrink, vuol anche dire sfuggire, evitare qualcosa. Il personaggio di Kevin Spacey in questo film fa entrambe le cose: è uno psichiatra, e si rinchiude nei problemi degli altri per evitare di concentrarsi sui propri. È lo strizzacervelli delle star di Hollywood, è uno scrittore di successo, ha una villa con piscina sulle colline di Los Angeles. Ma in realtà la persona che più ha bisogno di aiuto è proprio lui, e confidarsi con uno spacciatore che pare la brutta copia di Matt Damon servirà a ben poco. Trovare la felicità è infatti semplicemente una possibilità concessa dal destino che, si sa, è imprevedibile. Questa, in sintesi, la tematica trattata dal terzo film di Jonas Pate, che torna al cinema dopo più di dieci anni di regie televisive. Il quarantenne regista americano passa così da La donna bionica e Battlestar Galattica

a un film intimista sui problemi delle star di Hollywood. Proprio strano il destino.

Shrink infatti non è solo incentrato sullo psichiatra interpretato da Spacey, ma vive soprattutto di tutta una serie di personaggi minori: si va dal vecchio attore alcolista che si crede drogato di sesso, alla giovane star che medita il suicidio, al geniale agente che ha paura di tutto, alla ragazzina con problemi sociali. In questo il film finisce alcune volte per scivolare negli stereotipi che vorrebbe criticare, ma si salva grazie alla bravura degli attori. In primis Kevin Spacey e Robin Williams, ma non dimentichiamoci di Keke Palmer, la giovane interprete che avevamo conosciuto appena adolescente in Una parola per un sogno.

La pecca più grande del film sta proprio nella superficialità di certe parti di sceneggiatura, che d’altra parte in alcuni dialoghi è davvero brillante. Però se poi si cerca di capire come sia possibile che in una città di quattro milioni di abitanti tutta una serie di avvenimenti siano accaduti sempre e solo tra gli stessi sei personaggi, non basta nemmeno sospendere la propria incredulità per accettare la tesi dell’imprevedibilità del destino: semplicemente la storia non regge. Ma lasciamo il beneficio del dubbio al lavoro del giovane sceneggiatore, perché appunto, malgrado questi difetti, Shrink è un buon film di attori che sicuramente piacerà a chi è affezionato ai tipici film da festival del Sundance.


Trailer originale:

Annunci

Commenti»

1. Leon@rd80 - 18/08/2011

Bellissimo e interessante spazio sui film “dispersi” in Italia. Mi domando se ci sono anche telefilm, sceneggiati,soap opera “dispersi” .

Antonio - 18/08/2011

Ce ne sono tanti! Il team di Hideout.it, che cura questo spazio quotidiano estivo, si sofferma da anni sui film, però in effetti ci sarebbe materiale per tanti altri generi… se avete proposte, o volete proporvi, scrivete su blog@antoniogenna.net ;)


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: