jump to navigation

Dispersi d’estate (23) – Anche i cartoni animati si disperdono: The Haunted World of El Superbeasto 23/08/2011

Posted by Antonio Genna in Animazione, Cinema e TV, Dispersi d'estate, Film, Video e trailer.
trackback

Ogni anno nel mondo vengono prodotti circa 25 mila film. In Italia ne arrivano a malapena 500. Gli altri si disperdono nei buchi neri della distribuzione. Hideout.it da anni si occupa di recuperare il buono dei dispersi con rassegne, un sito, un festival e il libro “Dispersi. Guida ai film che non vi fanno vedere”. Nell’indolenza dell’estate, un buon film rinfresca più di un ghiacciolo, perché un disperso al giorno toglie l’afa di torno…

Anche i cartoni animati si disperdono: The Haunted World of El Superbeasto

Rob Zombie (La casa del diavolo) esordisce nel cinema d’animazione con un film tratto da un suo fumetto: sesso, violenza e comicità in un divertissement in linea con la produzione del regista americano. Ovvero non adatto ai bambini.

Titolo: The Haunted World of El Superbeasto
Regia: Rob Zombie
Sceneggiatura:
Tom Papa
Montaggio:
Bret Marnell
Musica:
Tyler Bates
Produzione:
Film Roman Productions, Spectacle Entertainment Group, Starz Media
Origine :
Usa, 2009
Durata:
77′
Colore


Recensione di Alberto Brumana, apparsa originariamente qui

Quando El Superbeasto assiste al rapimento della spogliarellista Velvet Von Black, non può che mettersi alla sua ricerca. Ma il suo rapitore è il perfido Dottor Satana, che grazie alla disinibita Velvet vuole conquistare il mondo.

Se vuoi vedere il film con la traduzione italiana, scarica i sottotitoli su ItalianSubs

Che Rob Zombie fosse affascinato da un certo cinema di exploitation, più ancora che dai suoi primi film emerge dal corto Werewolf Women of the SS, il divertente falso trailer utilizzato per il progetto Grindhouse dell’accoppiata Tarantino / Rodriguez, che vedeva Nicolas Cage nella parte del mitico Fu Manchu. The Haunted World of El Superbeasto è un prosieguo su quella linea, tratto da uno fumetto scritto dallo stesso Zombie. Sesso, violenza, comicità. In questo mondo si muovono gli irriverenti personaggi, a partire dal gonzo protagonista, il wrestler El Superbeasto: tanti muscoli, poco cervello e come unico interesse le donne (o più precisamente una parte del loro corpo, che all’interno del film viene definita con almeno 20 nomi diversi).
Questo è The Haunted World of El Superbeasto, uno svago, un divertissementche Rob Zombie ha inserito nella sua filmografia horror (tra le migliori dell’ultimo decennio). Quando entrate in questo mondo , sappiate quello a cui andrete incontro.

Si tratta di disegni animati, da lontani anni luce dall’essere un prodotto per bambini. Sorprende anzi che la rigida censura americana non abbia vietato del tutto il film ai minori, che possono vederlo se accompagnati. Sta di fatto che se non si vuole apprezzare una certa comicità che, ammettiamolo, è decisamente volgare, sarà meglio tenersi alla larga da questo film. In caso contrario, preparatevi vedere a tette giganti usate per tirare cazzotti, robot arrapati che inventano nuove posizioni sessuali, gorilla usati come bambole gonfiabili e così via. Si ride di gusto anche con le numerosissime citazioni che Zombie inserisce qua e là, a partire dai camei animati (da Nosferatu a Edward mani di forbice, da Varla di Faster, Pussycat! Kill! Kill! – con la voce originale di Tura Satana – addirittura a Lisa Minnelli con gli abiti di Cabaret) fino alle parti musicali, come quella dell’armata di nazisti morti viventi in stile Nazisploitation.

Anche il cast di doppiatori è di primo livello: se El Superbeasto è il comico Tom Papa, poco conosciuto da noi e autore anche della sceneggiatura, riconosciamo poi tra le altre voci Paul Giamatti nei panni del sadico Dottor Satana e Rosario Dawson in quelli della spogliarellista Velvet Von Black, oltre agli attori feticcio di tutti i film di Rob Zombie, sua moglie Sheri Moon (Suzi X), Bill Moseley e Sid Haig (che riprendono i ruoli di Otis Driftwood e del Capitano Spaulding).

Curiosità
Il film inizialmente doveva essere realizzato in pochi mesi e costare mezzo milione di dollari. Poi visti gli impegni di Rob Zombie con la saga di Halloween, i tempi si sono dilatati, arrivando a quasi tre anni e un costo iniziale venti volte superiore a quello preventivato.


Trailer originale:

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: