jump to navigation

Dispersi d’estate (28) – In cerca dell’acqua, e dell’amore, in un’assurda terra immaginaria 28/08/2011

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Dispersi d'estate, Film, Video e trailer.
trackback

Ogni anno nel mondo vengono prodotti circa 25 mila film. In Italia ne arrivano a malapena 500. Gli altri si disperdono nei buchi neri della distribuzione. Hideout.it da anni si occupa di recuperare il buono dei dispersi con rassegne, un sito, un festival e il libro “Dispersi. Guida ai film che non vi fanno vedere”. Nell’indolenza dell’estate, un buon film rinfresca più di un ghiacciolo, perché un disperso al giorno toglie l’afa di torno…

In cerca dell’acqua, e dell’amore, in un’assurda terra immaginaria

Un film che già dal titolo gioca con l’assurdo, raccontando una fiaba d’amore in una terra che non c’è. Absurdistan è divertente e ben fatto, anche se a volte un po’ stucchevole, sebbene sia una condizione necessaria per creare un’atmosfera magica, che con la realtà vuole avere ben poco a che fare.

Titolo: “Absurdistan”
Regia: Veit Helmer
Sceneggiatura: Zaza Buadze, Veit Helmer, Gordan Mihic
Fotografia: Giorgi Beridze
Montaggio: Vincent Assmann
Musica: Shigeru Umebayashi
Interpreti principali: Kristyna Malérová, Maximilian Mauff, Nino Chkheidze, Ilko Stefanovski, Assun Planas, Ani Amiridze
Produzione: Veit Helmer Filmproduktion, Südwestrundfunk, Bayerischer Rundfunk, Arte
Origine: Germania, 2008
Durata: 88′
Colore


Recensione di Alberto Brumana, apparsa originariamente qui

Temelko e Aya sono due ragazzi nati lo stesso giorno in un piccolo villaggio sperduto. Il loro destino è quello di amarsi, ma un problema all’acquedotto del villaggio rischia di mettere in crisi non solo il loro rapporto, ma anche quello tra tutti gli uomini e le donne locali.

Se vuoi vedere il film con la traduzione italiana, scarica i sottotitoli su ItalianSubs

Come poter definire Absurdistan se non con la parola che è già contenuta nel suo titolo? Il nuovo film di Veit Helmer, regista tedesco che già dieci anni fa aveva sorpreso con un altro film purtroppo disperso, Tuvalu, gioca infatti tutta la sua narrazione sul filo dell’assurdo, superando in molte occasioni il limite che anche ogni sospensione dell’incredulità si pone. Attenzione però, perché questo non è assolutamente un giudizio negativo. Absurdistan infatti vuole essere una fiaba, un racconto dolcemente onirico ambientato in un luogo ai margini della Terra.

Le scelte eccentriche effettuate da Helmer, quindi, sono funzionali alla creazione di un’atmosfera magica, che con la realtà vuole avere ben poco a che fare. Si respira aria da Favoloso mondo di Amelie, portato nelle sue caratteristiche all’eccesso grazie all’ambientazione in una terra che non c’è. Un’idea vincente è stata quella di rendere il film quasi completamente muto, lasciando la voce quasi sempre fuori campo. Il regista ha dichiarato che questa scelta è stata fatta soprattutto per poter scegliere un cast internazionale, a prescindere dalla lingua (e infatti gli attori provengono da molti stati dell’est ma anche dalla Francia e dalla Spagna ad esempio), ma è evidente come si sia trattato ancora una volta di un espediente che rendesse il film ancora più inverosimilmente fiabesco.

Certo, prima di vedere il film bisogna sapere a cosa si sta andando incontro e comunque a volte affiora un retrogusto un po’ stucchevole, ma Absurdistan rimane senza dubbio un’opera originale, anche per la distribuzione. Il film infatti, pur essendo in russo, è una produzione tedesca, ma ha scelto come mercato principale quello americano, debuttando con successo al Sundance e bissando con altrettanta gloria in piccoli festival minori d’oltreoceano.

Curiosità
Il film non c’entra nulla con il romanzo dallo stesso titolo, scritto da Gary Shteyngart, edito in Italia e anch’esso ambientato in una terra immaginaria. Il termine “absurdistan” sembra tra l’altro essere stato inventato da Václav Havel ai tempi della perestroika.


Trailer originale:

Annunci

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: