jump to navigation

Dispersi d’estate (32) – Kano, bunga bunga alla filippina 01/09/2011

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Dispersi d'estate, Film, Video e trailer.
trackback

Ogni anno nel mondo vengono prodotti circa 25 mila film. In Italia ne arrivano a malapena 500. Gli altri si disperdono nei buchi neri della distribuzione. Hideout.it da anni si occupa di recuperare il buono dei dispersi con rassegne, un sito, un festival e il libro “Dispersi. Guida ai film che non vi fanno vedere”. Nell’indolenza dell’estate, un buon film rinfresca più di un ghiacciolo, perché un disperso al giorno toglie l’afa di torno…

Kano, bunga bunga alla filippina

La vicenda di un uomo che attira intorno a sé grazie al suo denaro un intero harem di ragazze, ingaggiate per ballare e spogliarsi ai suoi festini e poi diventate conviventi e “fidanzate” con tanto di appartamenti costruiti su misura, finisce per evocare su scala ridotta comportamenti ben noti nel nostro Paese…

Titolo: “Kano: an American and His Harem”
Regia: Monster Jimenez
Fotografia: Ike Avellana, Jay Abello, Corinne de San Jose
Montaggio: Mario Corneo, Lawrence Ang, Monster Jimenez
Musica: Allan Feliciano
Produzione: Arkeofilms
Origine: Filippine, 2010
Colore


Recensione di Eugenio Peralta, apparsa originariamente qui

Reduce dalla guerra del Vietnam, il soldato americano Victor Pearson si stabilì nel 1969 in un piccolo villaggio delle Filippine iniziando a costruire un vero e proprio harem con decine di donne. Nel 2002 è stato accusato di oltre ottanta stupri, ma molte delle sue “mogli” non lo hanno abbandonato.

Di fronte a una vicenda da ogni punto di vista incredibile come quella narrata in Kano (il soprannome che i filippini attribuiscono agli americani) è forte la tentazione di concentrarsi sugli spiazzanti contenuti del documentario, sorvolando sulle tecniche e gli stili della realizzazione. Soprattutto per lo spettatore italiano: innegabilmente, la vicenda di un uomo che attira intorno a sé grazie al suo denaro un intero harem di ragazze, ingaggiate per ballare e spogliarsi ai suoi festini e poi diventate conviventi e “fidanzate” con tanto di appartamenti costruiti su misura, finisce per evocare su scala ridotta comportamenti ben noti nel nostro paese. Il paragone, si badi bene, non vuole essere irriverente, ma anzi suscita amare constatazioni sulle pratiche “bunga bunga style” diffuse a ogni latitudine e sui loro inquietanti risvolti morali. Proprio come accaduto per le vicende di cronaca nostrane, infatti, l’aspetto che più impressiona non è tanto la protervia dei corruttori, quanto la connivenza di molte delle donne coinvolte e dei loro familiari: le concubine e le mogli di Kano semplicemente si rassegnano al loro ruolo subalterno e alla condivisione dei privilegi economici con le rivali, tanto che al minimo accenno al tema della gelosia si schermiscono ridendo (“Siamo sportive”). E c’è persino una madre che confessa candidamente di aver condotto sua figlia, all’epoca dodicenne, dal ricco americano perché diventasse la sua nuova amante.

Costruire un documentario su materiale di questo genere è in apparenza impresa facilissima, anche perché Pearson, condannato a 80 anni di carcere per stupro (ma una sola accusa è andata a buon fine, le altre sono state ritrattate, pare dopo cospicue elargizioni dei suoi avvocati), è già una star sui media filippini e come tale si comporta di fronte alla telecamera. Al suo esordio assoluto alla regia, la giornalista Monster Jimenez – con un nome del genere il suo destino era già scritto – non si è certo risparmiata: ha seguito per quasi sei anni la vita del detenuto, ha intervistato ragazze che in periodi diversi hanno frequentato Kano, si è spinta persino nella cittadina dell’Oregon di cui Pearson è originario, per intervistarne i parenti, scoprendone il passato burrascoso e le molestie subite in gioventù. Ma il valore aggiunto del film sta soprattutto nel punto di vista assunto dalla regista, che adotta un approccio per quanto possibile freddo e distaccato e, anziché insistere sugli aspetti più sordidi e violenti della vicenda, descrive in ogi suo aspetto un rapporto di disturbante complicità tra aggressore e vittime.

Così, se inevitabilmente colpiscono i monologhi di un Pearson in preda a evidenti problemi mentali, che afferma di “aver vissuto il sogno di ogni uomo eterosessuale”, a fare molto più male è l’atteggiamento delle ragazze: dalla smaliziata

Langging che sfrutta l’amante americano per acquistare accessori di alta moda fino alle giovanissime Jacky e Tunay, che alternano passatempi infantili come montagne russe e videogiochi alla convivenza con un uomo ultrasessantenne. Fino al paradosso di Mary Jo, l’unica ragazza che ha avuto il coraggio di portare fino in fondo la sua denuncia e ora deve sottostare non solo alla pressione di Kano, ma anche a quella dei genitori, che smentiscono le sue accuse per poter godere degli aiuti economici garantiti dal vecchio reduce. Un quadro di assoluto degrado morale, in cui anche l’ipocrisia della religione e della società civile fanno la loro parte, che malgrado l’assoluto aplomb della presentazione riesce a generare nello spettatore quelli che dovrebbero essere i risultati di ogni film di denuncia: indignazione e riflessione.


Trailer originale:

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: