jump to navigation

Dispersi d’estate (34) – Love the Beast, la passione dell’attore 03/09/2011

Posted by Antonio Genna in Auto e moto, Cinema e TV, Dispersi d'estate, Film, Video e trailer.
trackback

Ogni anno nel mondo vengono prodotti circa 25 mila film. In Italia ne arrivano a malapena 500. Gli altri si disperdono nei buchi neri della distribuzione. Hideout.it da anni si occupa di recuperare il buono dei dispersi con rassegne, un sito, un festival e il libro “Dispersi. Guida ai film che non vi fanno vedere”. Nell’indolenza dell’estate, un buon film rinfresca più di un ghiacciolo, perché un disperso al giorno toglie l’afa di torno…

Love the Beast, la passione dell’attore

Forse non tutti sanno che Eric Bana, oltre che il protagonista di film come Hulk e Munich, è anche un grandissimo appassionato di auto d’epoca. È lui stesso a raccontare questa sua particolarità con un esordio alla regia che è un ritratto archetipico del maschio australiano.

Titolo: “Love the Beast”
Regia: Eric Bana
Fotografia: Rod Pollard, David Rose
Montaggio: Conor O’Neill
Musica: Yuri Worontschak
Produzione: Pick Up Truck Pictures, Whyte House Productions
Origine: Australia, 2009
Durata: 92′
Colore


Recensione di Carlo Prevosti, apparsa originariamente qui

1983. Il quindicenne Eric Bana compra una Ford XB Falcon Coupé. Per il ragazzino che diventerà un attore di successo inizia una vera storia d’amore che durerà più di venti anni.

L’esordio alla regia per l’attore Eric Bana (Hulk, Munich) è il curioso documentario Love the Beast, in cui la bestia del titolo è una Ford XB Falcon Coupé del 1974, la muscle car resa celebre dal film Interceptor con Mel Gibson che per venticinque anni è stata al centro dei suoi pensieri. E un quarto di secolo fa pensare, come diceva la splendida Marylin Monroe in A qualcuno piace caldo di Billy Wilder. La Bestia entra nella vita di Bana quando aveva solo 15 anni, grazie a una spesa di circa 1100 dollari australiani. Attraverso immagini di repertorio, testimonianze di chi ha vissuto al suo fianco questa passione e incontri con esperti di automobili del calibro su Jeremy Clarkson e Jay Leno, Eric Bana cerca di trasferire nel suo documentario almeno un briciolo della passione e dell’amore che ha creato questo profondo e duraturo legame con l’auto, fino al tragico 21 aprile 2007 quando andò distrutta in un incidente durante la Targa Tasmania, uno dei più noti e pericolosi rally d’Australia.

Dietro la sua faccia da bravo ragazzo, Eric Bana è stato pilota automobilistico prima che attore di fama internazionale. Attraverso le sue parole scopriamo un mondo di appassionati che in Australia è una vera e propria legione di entusiasti, capaci di trascorrere ore e ore nel garage dietro casa per trovare il giusto equilibrio tra le valvole del motore. Ne nasce un ritratto archetipico del maschio australiano medio, di buona compagnia ma capace di ossessioni e fissazioni al limite della mania. Una volta tanto il documentario non si occupa di drammatici aspetti sociali, di denunce legate alla politica, all’ambiente o alla realtà urbana. Love the Beast è una totale immersione in un mondo altro, che per qualcuno potrà rivelarsi assurdo e distante, ma non per tutti. Il montaggio firmato da Conor O’Neill (autore dell’adrenalinico Murderball) è ritmato da una colonna sonora rock degna dei cavalli che rombano sotto il cofano della Bestia.

“Quando ero un ragazzo – Ha dichiarato Bana – Sognavo di diventare un pilota di corse automobilistiche e fu proprio Mel Gibson a farmi sognare la Ford XB Falcon GT Coupé. La mia carriera mi aveva fatto allontanare dalle corse, ma la Targa Tasmania era un sogno che volevo portare a termine, un’esperienza ricca di adrenalina”. E si sa che non c’è sostanza più potente per un drogato di emozioni. “Il titolo del film non è solo il nomignolo che avevo dato alla macchina – ha dichiarato Bana durante un’intervista – il messaggio infatti è che ciascuno dovrebbe amare la sua “bestia” per dire di vivere fino in fondo la propria vita”.


Trailer originale:

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: