jump to navigation

Dispersi d’estate (41) – Pontypool, onde di paura 10/09/2011

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Dispersi d'estate, Film, Video e trailer.
trackback

Ogni anno nel mondo vengono prodotti circa 25 mila film. In Italia ne arrivano a malapena 500. Gli altri si disperdono nei buchi neri della distribuzione. Hideout.it da anni si occupa di recuperare il buono dei dispersi con rassegne, un sito, un festival e il libro “Dispersi. Guida ai film che non vi fanno vedere”. Nell’indolenza dell’estate, un buon film rinfresca più di un ghiacciolo, perché un disperso al giorno toglie l’afa di torno…

Pontypool, onde di paura

L’orrore si propaga attraverso le onde radio con le parole: mentre l’epidemia si diffonde a macchia d’olio è un Dj radiofonico a scoprirne le cause, ma la sua voce potrebbe non venire ascoltata. Dopo The Tracey Fragments una nuova perla dimenticata dalla distribuzione italiana per Bruce McDonald.

Titolo: “Pontypool”
Regia: Bruce McDonald
Sceneggiatura: Tony Burgess
Fotografia: Miroslaw Baszak
Montaggio: Jeremiah Munce
Musica: Claude Foisy
Interpreti principali: Stephen McHattie, Lisa Houle, Georgina Reilly, Hrant Alianak, Rick Roberts, Boyd Banks, Tony Burgess, Rachel Burns
Produzione: Ponty Up Pictures, Shadow Shows
Origine: Canada, 2008
Durata: 93′
Colore


Recensione di Carlo Prevosti, apparsa originariamente qui

Nella radio locale della tranquilla cittadina di Pontypool lavora Grant Mazzy, forse troppo in gamba per limitarsi a dare informazioni sulla cronaca e sul traffico locale. Fuori dallo studio radiofonico però sta succedendo qualcosa di misterios: arrivano notizie frammentarie su misteriosi attacchi di massa da parte di gente impazzita e lentamente inizia a farsi strada l’ipotesi che sia in atto un’epidemia.

Se vuoi vedere il film con la traduzione italiana, scarica i sottotitoli su ItalianSubs

Tra le figure classiche del mondo dell’horror l’unica che non ha una vera genesi letteraria che ne abbia stabilito i canoni è quella del non morto. Il cinema ha sostanzialmente creato la figura dello zombi sulla base di alcune leggende derivanti dal voodoo caraibico e ne ha modificato gli elementi nel corso dei decenni. La trasformazione dello zombi in un non morto è frutto del cinema di George A. Romero, che ha voluto metaforizzare l’alienazione della massa causata da una deformazione mostruosa della società, attraverso il consumismo, il conformismo e soprattutto la deriva incontrollata dei mass media. In questo caso è la radio, ma anche la parola, che si trasforma in un veicolo per la contaminazione, in una sterminata possibilità di letture semiotiche e sociologiche. La voce e la parola diventano così protagonisti di un film horror atipico, di una storia in cui la tensione per la maggior parte del tempo resta “fuori campo”, solo raccontata dalla voce calda e profonda del deejay.

Un film al limite dell’esperimento, quasi un Buried in versione non morta, un’opera inconsueta che sceglie una prospettiva in evidente omaggio alla Guerra dei mondiradiofonica messa in scena da Orson Welles nel 1938. Il pregio assoluto di McDonald è quello di aver trovato un modo semplice per costruire una storia totalmente innovativa, infondendo nuova linfa in un sottogenere che (ad esclusione di pochi casi) rischia di essere profondamente ripetitivo e reazionario.

L’originalità di Pontypool è proprio nel rileggere in chiave semiotica e (azzardiamo) neurolinguistica l’abusata enciclopedia legata alla mitologia dello zombi, che come abbiamo già sottolineato è nata e si è evoluta in un modo profondamente legato alle evoluzioni sociali e massmediologiche. Pontypool è un film estremamente parlato, nel quale anche per la prima volta i rapporti verbali possono diventare veicolo dell’infezione. Sicuramente Umberto Eco sarebbe interessato dall’idea che alcune parole siano fonte dell’infezione mentre altre possano esserne un vaccino.

Pontypool è una rappresentazione quasi teatrale, un film anticinematografico, un’esibizione del non visto: un discorso radiofonico che, trovata la soluzione del dilemma, non può più essere mandato in onda perché fonte di nuova infezione.


Trailer originale:

Commenti»

1. Malinga - 10/09/2011

Il film è stato doppiato in italiano e doveva essere distribuito questa estate su dvd. Ma ancora nulla


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: