jump to navigation

TV PAY – Camelot su Joi 22/09/2011

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Comunicati, TV ITA.
trackback

Da questa sera, ogni giovedì alle ore 21.15, il canale pay Joi propone per la prima volta in Italia Camelot, serie in 10 episodi trasmessa sul canale cavo statunitense Starz dall’aprile al giugno 2011 e non rinnovata a causa di ascolti deludenti.
Il telefilm, prodotto da Ecosse Films, Octagon Films, Take 5 Productions e Starz Media, narra la storia di Camelot come mai è stata narrata prima. Dopo l’improvvisa morte di re Uther (Sebastian Koch), la Britannia è sull’orlo del caos. Quando lo stregone Merlino (Joseph Fiennes) ha visioni di un futuro oscuro, farà ascendere al trono il giovane ed impetuoso Artù (Jamie Campbell Bower), figlio ignoto ed erede di Uther, che è stato cresciuto dalla nascita come uomo comune. Ma l’ambiziosa sorellastra di Artù, Morgana (Eva Green), farà tutto il possibile per combatterlo, radunando forze oscure per avere la corona. Si attendono tempi bui per il nuovo re, e l’unica luce nel suo mondo sarà la bella Ginevra (Tamsin Egerton)…
A seguire, il comunicato dell’ufficio stampa Mediaset Premium che presenta il telefilm.

su JOI/ Mediaset Premium
in anteprima assoluta arriva

 “CAMELOT”

La versione “per adulti” della saga di Re Artù
con Eva Green e Joseph Fiennes

Joi – dal 22 settembre, ogni giovedì, in prima serata

“Camelot”, telefilm in costume di 10 episodi che racconta l’epica vita di re Artù, approda in anteprima assoluta su JOI, dal 22 settembre, ogni giovedì, in prima serata.

“Camelot” è una co-produzione tra USA, Gran Bretagna, Irlanda e Canada ed è stato realizzato in meno di un anno. La serie ha esordito lo scorso 1° aprile su Starz ed è stata accolta con grande entusiasmo dal pubblico (1.1 milione di spettatori), segnando il debutto di maggior successo per una serie originale sul canale satellitare statunitense e superando anche l’esordio di Spartacus. Il Daily Inquirer, infatti, ha definito Camelot come “un’altra serie forte nelle mani di Starz”.

Gli sceneggiatori di Camelot, tra cui Chris Chibnall (“Merlin”) e Michael Hirst (“The Tudors”), si sono ispirati al romanzo di Sir Thomas Malory del 1485 e, tra storie di sesso e giochi di potere, hanno fatto rivivere Re Artù, creando un mix ideale tra storia, fantasia, racconto epico, il tutto condito con una giusta dose di erotismo. Anche per questo alcuni siti web hanno scritto che Starz ha reso “Camelot di nuovo accattivante”. La blogger Maureen Ryan, dalle colonne di TVSquad.com ha elencato 5 buoni motivi per vederlo: il primo è per il suo ideatore, Chris Chibnall, il secondo è l’eccellente cast, il terzo è proprio il fatto che si tratti di una versione “per adulti” della saga, il quarto riguarda l’approccio con la magia che non è per i deboli di cuore, il quinto e ultimo è che non dovrebbe deludere al pari di Game of Thrones. Il New York Times l’ha definito “un Artù degno dell’era contemporanea”.

A giocare un ruolo fondamentale nella serie è il rapporto tra Merlino e Artù dove il mago è considerato un personaggio a metà strada tra Obi-Wan Kenobi, il maestro Jedi di Guerre Stellari, e Donal Rumsfeld, l’ex Segretario alla difesa degli Stati Uniti, da una parte per le sue qualità di mentore e dall’altra per le sue astute strategie politiche.

La serie è ambientata in Inghilterra nel XIV Secolo alla vigilia della guerra dei 100 anni. La morte improvvisa di Re Uther getta nel caos la terra di Camelot. Il mago Merlino, consigliere del re, legge nel tragico evento presagi di un futuro oscuro e, per evitare il peggio, porta sul trono il giovane e inesperto Artù. Morgana, malvagia sorella di Merlino, è avida di potere e farà di tutto per esautorare il re e distruggere il suo regno. Fondamentale per re Artù saranno l’amore della bella Ginevra e il sostegno del fidato Merlino…

Anche le strategie promozionali per lanciare la serie sono al passo con i tempi e spregiudicate perché tengono conto del fatto che ormai il web è una piattaforma privilegiata per i telefilm e che a volte, una “giusta via di mezzo” con la pirateria, può avvantaggiare il successo di un prodotto anziché danneggiarlo. Così, il pilot “Homecoming”, dopo la messa in onda è stato subito caricato integralmente sul sito, creato appositamente da Starz, per assicurarne una maggior fruibilità e, dall’altra, è stata creata una pagina Facebook dove i protagonisti hanno potuto aggiornare i propri fan sull’avanzamento dei lavori, prima e dopo le riprese.

Ad impreziosire il telefilm la presenza nel cast di due sex symbol come Eva Green, ex bond girl in “007 – Casinò Royale” e protagonista di “The Dreamers” di Bernardo Bertolucci, nei panni di Morgana, e Joseph Fiennes (fratello del celebre Ralph Fiennes), protagonista in “Elizabeth”, “Shakespear In Love”, “Luther – Genio ribelle liberatore” e della serie Tv “Flashforward”, in quelli di Merlino. Il giovanissimo Jamie Campbell Bower interpreta re Artù mentre l’amata Ginevra è interpretata da Tamsin Egerton, tra gli altri, chiudono il cast degli attori principali Claire Forlani, la regina Igraine, e Peter Mooney nei panni di Sir. Kay.

Commenti»

1. enry - 22/09/2011

Un’occhiata vorrei proprio darla al pilot… ma si riesce a seguire la serie anche se termina dopo soli 10 episodi?

Alessandra¹³  (@PieraPi) - 23/09/2011

Io l’ho vista in inglese. Alla fine non è male, a me il genere piace, ma il finale diciamo che per forza di cose lascia molto spazio alla fantasia. Non è certo conclusivo. Peccato.


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: