jump to navigation

Libri – Martin Gardner “Dracula, Platone e Darwin” 01/04/2011

Posted by Antonio Genna in Illusioni, Libri, Matematica.
add a comment

Martin Gardner, scomparso nel 2010, è stato il pioniere della “matematica ricreativa” con la rubrica che ha curato dal 1956 al 1981 sulla rivista “Scientific American” (e tradotta sull’italiano “Le Scienze”), ma è stato soprattutto un giornalista scientifico con una laurea in filosofia. All’interno della bella collana “Chiavi di lettura” Zanichelli, è arrivato il volumetto “Dracula, Platone e Darwin – Giochi matematici e riflessioni sul mondo” (titolo originale “The Jinn from Hyperspace and Other Scrublings”, traduzione di Federico Tibone; 248 pagine, prezzo di copertina 10,20 € – Acquista “Dracula, Platone e Darwin” su Amazon.it), che comprende un saggio introduttivo del 1992 di Douglas Hofstadter (tradotto da Francesco Bianchini e Paola Turina) che racconta come lui vedeva Gardner, e a seguire numerosi articoli di Gardner mai tradotti prima in italiano.
La prima parte del volume raccoglie alcuni dei problemi-racconti scritti da Gardner per l'”Isaac Asimov’s Science Fiction Magazine”, più vicini a chi ha conosciuto Gardner per la sua abilità di divulgatore ricreativo (si va dalla sequenza di Fibonacci al paradossi decisionale di Blabbage, dai numeri trascendenti al paradossi di Banach-Tarski), mentre la seconda parte contiene spunti, critiche e riflessioni, con saggi su Isaac Newton, il realismo platonico, la teoria delle stringhe, e due riflessioni dell’autore sul perchè non credeva nel paranormale e sul perchè non era ateo (Gardner era infatti un teista, aspetto forse poco noto anche per gli appassionati della sua figura). (altro…)

Libri – Federico Peiretti “Il matematico si diverte” 22/11/2010

Posted by Antonio Genna in Libri, Matematica.
add a comment

Federico Peiretti, docente di Matematica e Fisica del liceo classico Cavour di Torino, e collaboratore del quotidiano “La Stampa”, ha anche scritto una ventina di testi di matematica e di informatica. Da un paio di mesi è in vendita nelle librerie la sua ultima fatica, “Il matematico si diverte” (Longanesi, 336 pagine, prezzo di copertina 18 €).
Il volume, con un’introduzione di Piergiorgio Odifreddi, è dedicato alla matematica, forse il più bel gioco inventato dall’uomo, che molti temono e non conoscono a sufficienza. INvece Peiretti vuole dimostrarci che la matematica è divertente e facilmente accessibile a tutti. Come afferma l’autore stesso nella sua premessa: “Perché questo libro? Per portare in primo piano il lato divertente della matematica. Per dimostrare come attraverso il gioco si arrivi direttamente alla matematica e come questa, al di là di formule e calcoli, sia essa stessa un gioco, anzi, ne siamo convinti, il gioco più divertente inventato dall’uomo… Sono molti i matematici che dichiarano di sentire il loro lavoro più vicino all’arte che alla scienza e che fare matematica è divertente. L’invito è dunque di andare alla scoperta del suo fascino indiscreto, attraverso i giochi inventati dai grandi matematici. In questo modo potremo arrivare a capirne la bellezza. Questo è l’obiettivo del nostro lavoro, che si rivolge innanzitutto a chi non ha mai avuto un buon rapporto con la matematica, pur provando per essa una certa attrazione”. (altro…)

Libri – Lawrence Weinstein e John A. Adam “Più o meno quanto? – L’arte di fare stime sul mondo” 18/06/2010

Posted by Antonio Genna in Libri, Matematica, Scienza e tecnologia.
add a comment

E’ in vendita nelle librerie “Più o meno quanto? – L’arte di fare stime sul mondo” (Zanichelli “Chiavi di lettura”; titolo originale “Guesstimation. Solving the World’s Problems on the Beack of a Cocktail Napkin”, traduzione di Luisa Doplicher; 264 pagine, prezzo di copertina 11,80 €), un interessante volumetto scritto da Lawrence Weinstein e John A. Adam, professori rispettivaamente di fisica e di matematica alla Old Dominion University di Norfolk (Stati Uniti).
E’ al centro il concetto di “spannometria” ovvero, come recita il sottotitolo del libro, “l’arte di fare stime sul mondo”: nell’era digitale, siamo circondati da numeri, ma spesso non abbiamo la minima idea di quali siano i valori in gioco nelle cose di tutti i giorni, e si accettano le stime che comunicano i media. L’arte di stimare i risultati a partire da dati apparentemente incompleti ha anche dei risvolti pratici, e permette di verificare manualmente, anche scrivendoli su un tovagliolino di carta (come recita il sottotitolo originale del libro), se i numeri ottenuti sono coerenti con quelli che ci sono stati indicati. (altro…)

Libri – “Finalmente ho capito! A cosa serve la matematica” 09/06/2010

Posted by Antonio Genna in Libri, Matematica.
add a comment

Siamo giunti in vicinanza del fatidico momento degli esami di maturità: ad aiutare gli studenti in difficoltà con numeri e formule (e non solo!) arriva “Finalmente ho capito! A cosa serve la matematica” (Antonio Vallardi Editore, 272 pagine, prezzo di copertina 13,50 €), scritto da Giuseppe Bruzzaniti e Ugo Bruzzo, che appartiene ad una collana utile a chi vuole avvicinarsi ad una disciplina o a una materia complessa, e però riesce soltanto a provare sconforto e a non capirci molto: il libro si propone di far ritrovare al lettore la fiducia nelle proprie capacità di comprensione, indipendentemente dal proprio livello di istruzione, dalla professione e dall’età.
In particolare, questo volume è dedicato alla matematica: è vero che questa disciplina è alla base della descrizione del mondo? Qual è il suo linguaggio? Quali i suoi oggetti? Perché una dimostrazione ci rassicura? Che cosa sono i modelli matematici? Tanti spunti di riflessione per un avvincente viaggio nel pensiero umano: ciascun capitolo è suddiviso in quattro sezioni (Problematiche, Spunti di riflessione, Problemi di approfondimento, La parola ai grandi matematici); il quinto capitolo affronta invece casi particolari e modelli della realtà. Un metodo utile per mostrare che la matematica serve a comprendere il mondo che ci circonda attraverso gli occhi del rigore e della coerenza, ricco di stimoli e curiosità per un lettore di ogni età.

DVDeXtra #89 – “Viaggio nella matematica” 21/04/2010

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, DVD, DVDeXtra, Matematica.
add a comment

DVDeXtraQuesto spazio, appartenente alla sezione DVD e Blu-ray Disc di questo blog, esamina prodotti di contenuto vario, principalmente a carattere documentaristico.
In questo appuntamento viene esaminata la collana di 4 DVD “Viaggio nella matematica”, produzione inglese dedicata all’affascinante mondo della matematica ed alle conquiste dell’umanità ottenute nei secoli grazie ai progressi nella ricerca scientifica pura.

Titolo: “Viaggio nella matematica”
Numero di dischi: 4
Spazio occupato sul disco: 3,61 Gbyte (DVD 1), 3,57 Gbyte (DVD 2), 3,62 Gbyte (DVD 3), 3,59 Gbyte (DVD 4)
Produzione: The Open University, BBC
Distribuzione: CineHollywood
Prezzo indicativo: 56,90 € (14,90 € a DVD)
Data di pubblicazione: 5 febbraio 2010
Formato video: 16:9 (1,78:1)
Lingue audio: italiano (Dolby Surround 2.0)
Lingue sottotitoli: italiano
Durata complessiva: 58 + 57 + 58 + 58 minuti circa
Link esterno per acquistare la collana a prezzo scontato (o i singoli DVD) sul sito web CineHollywood

(altro…)

Libri – Keith Devlin e Gary Lorden “Il matematico e il detective” 01/03/2009

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Libri, Matematica, TV ITA.
add a comment

ilmatematicoProprio questa sera alle ore 21.00 su RaiDue arriva in prima visione italiana la quarta stagione inedita della serie poliziesca Numb3rs con Rob Morrow e David Krumholtz: agli appassionati del telefilm segnalo che è in vendita nelle librerie italiane da qualche mese, all’interno della collana “La lente di Galileo” diretta da Piergiorgio Odifreddi, l’interessante volume “Il matematico e il detective – Come i numeri possono risolvere un caso poliziesco” (Longanesi; titolo originale “The Numbers Behind NUMB3RS”, traduzione di Elisa Faravelli; 260 pagine, prezzo di copertina 18,60 €), scritto da Keith Devlin e Gary Lorden.
Traendo spunto dalle storie narrate proprio negli episodi di Numb3rs – che vede protagonista una squadra dell’FBI che risolve i propri casi con l’aiuto del giovane genio matematico Charlie Eppes (Krumholtz), fratello dell’agente speciale Don (Morrow) – ed in reali casi tratti dalla cronaca, gli autori (Lorden è il principale consulente matematico del telefilm, Devlin è un divulgatore e preofessore alla Stanford University) illustrano le interazioni tra matematica e sistema giudiziario, illustrando come e quando la scienza dei numeri corre in aiuto della polizia nella lotta contro il crimine.
Nonostante alcuni dei casi presentati nel telefilm siano inventati, certamente si tratta di avvenimenti potenzialmente reali: il volume non contiene però le “licenze poetiche” del telefilm, presentando in modo rigoroso e chiaro le principali tecniche matematiche che possono essere utilizzate, e che di fatto vengono utilizzate, per combattere la vera criminalità e per catturare i veri criminali.
A seguire, la presentazione del volume e dei due autori tratta dal risvolto di copertina. (altro…)

Libri – Thomas C. Schelling “Micromotivazioni della vita quotidiana” 21/01/2009

Posted by Antonio Genna in Libri, Matematica.
add a comment

micromotivazioniE’ già da qualche mese in libreria l’interessante saggio “Micromotivazioni della vita quotidiana” (Bompiani; titolo originale “Micromotives and Macrobehaviour” – traduzione di Salvatore Serù; prefazione di Piergiorgio Odifreddi; 321 pagine, prezzo di copertina 22,00 €), scritto da Thomas C. Schelling, premio Nobel per l’economia nel 2005.
Nella vita di tutti i giorni, spesso ciò che decidiamo ci appare davvero libero e senza vincoli, eppure la scienza statistica riesce spesso a prevederne le tendenze e la razionalità nascosta che si cela dietro: da ciò parte l’analisi di Schelling, che utilizzando tanti esempi dalle situazioni più diverse racconta il modo in cui le scelte dei singoli vengano influenzate dal sistema sociale e contemporaneamente lo modifichino, con conseguenze imprevedibili. Tra le situazioni considerate, alcune che saranno capitate a tutti come i colloqui telefonici (quando cade la linea, chiama chi ha ricevuto o chi ha chiamato?), o l’andare a cinema e teatro (nelle sale nessuno tende a sedersi nelle prime file vuote, anche se l’audio si sente meglio): grazie all’utilizzo della matematica, e ad una vena di ironia che non guasta, il volume aiuta a capire il modo in cui le nostre scelte singole configurano le tendenze di massa.
A seguire, una presentazione del saggio e dell’autore, ed un estratto dalla prefazione di Piergiorgio Odifreddi. (altro…)

Pi Day 2007 14/03/2007

Posted by Antonio Genna in Matematica, Record e stranezze, Scienza e tecnologia, Trivia.
2 comments

Pi Day 2007Oggi è il 14 marzo, o 14/3… in notazione anglosassone è il 3/14, e da ciò l’Exploratorium, il museo delle scienze di San Francisco, ha pensato di intitolare la giornata di oggi il Pi Day, ovvero la Festa del pi greco (Pi greco).
Il pi greco, indicato dalla lettera greca Pi greco, è il valore costante che si ottiene dal rapporto tra la circonferenza di un cerchio e il suo diametro. Il pi greco è un numero irrazionale all’incirca pari a 22/7 e di solito si indica con tre cifre, ovvero 3,14, anche se grazie all’utilizzo dei computer il Pi greco è stato calcolato con circa 51 miliardi di cifre decimali; il ventiquattrenne cinese Lu Chao è entrato nel Guinness World Records recitando a memoria ben 67.890 cifre del numero Pi greco in 24 ore e 4 minuti nel 2005.
Il simbolo pi è stato utilizzato per la prima volta nel 1737 da William Jones, ma è divenuto popolare dopo l’adozione da parte del matematico svizzero Leonardo Eulero nel 1737.
Il pi ricorre in parecchie formule matematiche, prime tra tutte la formula per calcolare la circonferenza e l’area di un cerchio, o la superficie e il volume di una sfera.
Una curiosità: per una singolare coincidenza, il 14 marzo è anche il giorno in cui è nato (ad Ulm, nel 1879) lo scienziato Albert Einstein.
Per gli appassionati, esiste il sito PiDay.org che celebra ufficialmente a livello internazionale la giornata.
Festival della MatematicaDa domani, concluso il Pi Day, si aprirà a Roma la prima edizione del Festival della Matematica, curata da Piergiorgio Odifreddi ed in programma dal 15 al 18 marzo all’Auditorium Parco della Musica. Il festival vede la partecipazione di due famosi matematici, Andrew Wiles (che nel 1995 ha dimostrato l’Ultimo Teorema di Fermat) e John Nash (premio Nobel per l’economia nel 1994, e protagonista della vicenda raccontata nel film “A beautiful mind” con Russell Crowe), ma ci saranno anche altri matematici come Douglas Hofstadter (vincitore del premio Pulitzer nel 1980 per il famoso volume “Gödel, Escher, Bach”) e Benoit Mandelbrot (il cui nome è associato all’insieme caratteristico della teoria dei frattali). Maggiori informazioni in questo sito, mentre per scaricare il programma del festival in PDF cliccate qui.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: