jump to navigation

Grammy Awards 2011, tutti i vincitori 14/02/2011

Posted by Antonio Genna in Grammy Awards, Musica, Premi, Video e trailer.
trackback

Sono stati consegnati poche ore fa allo Staples Center di Los Angeles i riconoscimenti della 53esima edizione dei Grammy Awards, gli Oscar della musica, che quest’anno hanno premiato gli album messi in vendita tra il 1° ottobre 2009 e il 30 settembre 2010.
Tanti nomi nuovi per un’edizione 2011 molto ricca dei premi, aperta da Lady Gaga trasportata come una regina in una specie di uovo-bozzolo: Proprioi lei ha vinto il premio per il miglior pop vocal album, “The Fame Monster”. Le varie previsioni della vigilia sono state stravolte: Eminem, che aveva dieci nomination, ha vinto un premio principale nella categoria rap per il suo album del ritorno “Recovery”: con lui si è presentata Rihanna, che inizialmente molto casta per “Love The Way You Lie”, poi ha ballato molto sensualmente.
Come miglior nuovo artista ha vinto la giovane Esperanza Spalding, una jazzista che si era già esibita alla Casa Bianca per il presidente Obama. Miglior album dell’anno è “The Suburbs” di una band davvero indie, gli Arcade Fire. Trionfo anche per il giovane trio country Lady Antebellum, con cinque premi su sei candidature, tra cui quello per il miglior singolo “Need You Know”. Come miglior album rock premiati i Muse ed il loro “The Resistance”.
Tra i momenti principali del lungo show la performance di Mick Jagger, partita dopo il tributo annuale a chi nell’ultimo anno ci ha lasicato nel mondo della musica. Jagger, traendo proprio spunto dall’ultimo scomparso citato, Solomon Burke, a sorpresa ha intonato la celebre “Everybody Needs Somebody to Love”. Ospite anche, per ricevere il premio Persona dell’anno, la cantante Barbra Streisand, che non appare più molto negli ultimi tempi ma che quando lo fa lascia sicuramente il segno.
Premiato anche l’italiano Riccardo Muti: al momento convalescente dopo un intervento al cuore al Northwestern Memorial Hospital di Chicago, Muti ha trionfato assieme alla Chicago Simphony Orchestra e al coro per la registrazione del “Requiem” di Verdi.
A seguire, l’elenco completo di tutti i premi assegnati, tratto dal sito ufficiale della manifestazione.

Lady Antebellum

Premi generali

Disco dell’anno
  • “Need You Now” – Lady Antebellum
Album dell’anno
  • “The Suburbs” – Arcade Fire
Canzone dell’anno
  • “Need You Now” – Lady Antebellum (scritta da Dave Haywood, Josh Kear, Charles Kelley e Hillary Scott)
Nuovo artista
  • Esperanza Spalding

Esperanza Spalding

POP

Miglior performance pop femminile
  • “Bad Romance” – Lady Gaga
Miglior performance pop maschile
  • “Just The Way You Are” – Bruno Mars
Miglior performance pop di un duo o gruppo
  • “Hey, Soul Sister (Live)” – Train
Miglior collaborazione pop
  • “Imagine” – Herbie Hancock, Pink, India.Arie, Seal, Konono No 1, Jeff Beck e Oumou Sangare
Miglior performance pop strumentale
  • “Nessun dorma – Jeff Beck
Miglior album pop strumentale
  • “Take Your Pick” – Larry Carlton e Tak Matsumoto
Miglior album pop
  • “The Fame Monster” – Lady Gaga

DANCE

Miglior brano dance
  • “Only Girl (In The World)” – Rihanna
Miglior album elettronico/dance
  • “La Roux” – La Roux

POP TRADIZIONALE

Miglior album vocale pop tradizionale
  • “Crazy Love” – Michael Bublé

ROCK

Miglior performance rock
  • “Helter Skelter” – Paul McCartney
Miglior performance rock di un duo o gruppo
  • “Tighten Up” – The Black Keys
Miglior performance hard rock
  • “New Fang” – Them Crooked Vultures
Miglior performance metal
  • “El Dorado” – Iron Maiden
Miglior performance rock strumentale
  • “Hammerhead” – Jeff Beck
Miglior canzone rock
  • “Angry World” – Neil Young
Miglior album rock
  • “The Resistance” – Muse

ALTERNATIVA

Miglior album di musica alternativa
  • “Brothers” – The Black Keys

R&B

Miglior performance R&B femminile
  • “Bittersweet” – Fantasia
Miglior performance R&B maschile
  • “There Goes My Baby” – Usher
Miglior performance R&B di un duo o gruppo
  • “Soldier of Love” – Sade
Miglior performance R&B tradizionale
  • “Hang On In There” – John Legend & The Roots
Miglior performance urban/alternativa
  • “Fuck You!” – Cee Lo Green
Miglior canzone R&B
  • “Shine” – John Legend & The Roots
Miglior album R&B
  • “Wake Up!” – John Legend & The Roots
Miglior album R&B contemporaneo
  • “Raymond V Raymond” – Usher

RAP

Miglior performance rap
  • “Not Afraid” – Eminem
Miglior performance rap di un duo o gruppo
  • “On To The Next One” – Jay-Z & Swizz Beatz
Miglior collaborazione rap
  • “Empire State Of Mind” – Jay-Z & Alicia Keys
Miglior canzone rap
  • “Empire State Of Mind” – Jay-Z & Alicia Keys
Miglior album rap
  • “Recovery” – Eminem

Rihanna e Eminem

COUNTRY

Miglior performance country femminile
  • “The House That Built Me” – Miranda Lambert
Miglior performance country maschile
  • “‘Til Summer Comes Around” – Keith Urban
Miglior performance country di un duo o gruppo
  • “Need You Now” – Lady Antebellum
Miglior collaborazione country
  • “As She’s Walking Away” – Zac Brown Band & Alan Jackson
Miglior performance country strumentale
  • “Hummingbyrd” – Marty Stuart
Miglior canzone country
  • “Need You Now” – Lady Antebellum
Miglior album country
  • “Need You Now” – Lady Antebellum

NEW AGE

Miglior album new age
  • “Miho: Journey To The Mountain” – Paul Winter Consort

JAZZ

Miglior album jazz contemporaneo strumentale
  • “The Stanley Clarke Band” – The Stanley Clarke Band
Miglior album jazz
  • “Eleanora Fagan (1915-1959): To Billie With Love From Dee Dee” – Dee Dee Bridgewater
Miglior performance jazz strumentale in solitaria
  • “A Change Is Gonna Come” – Herbie Hancock
Miglior album jazz strumentale
  • “Moody 4B” – James Moody
Miglior album jazz orchestrale
  • “Mingus Big Band Live At Jazz Standard” – Mingus Big Band
Miglior album jazz latino
  • “Chucho’s Steps” – Chucho Valdés And The Afro-Cuban Messengers

GOSPEL

Miglior performance gospel
  • “Grace” – BeBe & CeCe Winans
Miglior canzone gospel
  • “It’s What I Do” – Kirk Whalum e Lalah Hathaway
Miglior album gospel rock o rap
  • “Hello Hurricane” – Switchfoot
Miglior album gospel pop / contemporaneo
  • “Love God. Love People.” – Israel Houghton
Miglior album gospel Southern / Country / Bluegrass
  • “The Reason” – Diamond Rio
Miglior album gospel tradizionale
  • “Downtown Church” – Patty Griffin
Miglior album gospel R&B contemporaneo
  • “Still” – BeBe & CeCe Winans

LATINA

Miglior album pop latino
  • “Paraiso Express” – Alejandro Sanz
Miglior album rock, alternativo o urban latino
  • “El Existential” – Grupo Fantasma
Miglior album latino tropical
  • “Viva La Tradición” – Spanish Harlem Orchestra
Miglior album regionale messicano
  • non assegnato
Miglior album Tejano
  • “Recuerdos” – Little Joe & La Familia
Miglior album Norteño
  • “Classic” – Intocable
Miglior album Banda
  • “Enamórate De Mí” – El Güero Y Su Banda Centenario

PATRIMONIO AMERICANO

Miglior album Americana
  • “You Are Not Alone” – Mavis Staples
Miglior album Bluegrass
  • “Mountain Soul II” – Patty Loveless
Miglior album blues tradizionale
  • “Joined At The Hip” – Pinetop Perkins & Willie ‘Big Eyes’ Smith
Miglior album blues contemporaneo
  • “Living Proof” – Buddy Guy
Miglior album folk tradizionale
  • “Genuine Negro Jig” – Carolina Chocolate Drops
Miglior album folk contemporaneo
  • “God Willin’ & The Creek Don’t Rise” – Ray LaMontagne And The Pariah Dogs
Miglior album musica hawaiiana
  • “Huana Ke Aloha” – Tia Carrere
Miglior album musica nativo-americana
  • “2010 Gathering Of Nations Pow Wow: A Spirit’s Dance” – artisti vari
Miglior album musica Zydeco o Cajun
  • “Zydeco Junkie” – Chubby Carrier And The Bayou Swamp Band

REGGAE

Miglior album reggae
  • “Before The Dawn” – Buju Banton

WORLD MUSIC

Miglior album World Music tradizionale
  • “Ali And Toumani” – Ali Farka Touré & Toumani Diabaté
Miglior album World Music contemporanea
  • “Throw Down Your Heart , Africa Sessions Part 2: Unreleased Tracks” – Béla Fleck

BAMBINI

Miglior album musica per bambini
  • “Tomorrow’s Children” – Pete Seeger With The Rivertown Kids And Friends
Miglior album parlato per bambini
  • “Julie Andrews’ Collection Of Poems, Songs, And Lullabies” – Julie Andrews e Emma Walton Hamilton

PARLATI

Miglior album parlato
  • “The Daily Show With Jon Stewart Presents Earth (The Audiobook)” – Jon Stewart (con Samantha Bee, Wyatt Cenac, Jason Jones, John Oliver e Sigourney Weaver)

COMICI

Miglior album comico
  • “Stark Raving Black” – Lewis Black

MUSICAL

Miglior album musical
  • “American Idiot (Feat. Green Day)”

FILM E TV

Miglior colonna sonora compilation
  • “Crazy Heart”
Miglior colonna sonora strumentale
  • “Toy Story 3” – Randy Newman
Miglior canzone scritta per film, TV o altri media
  • “The Weary Kind” (da “Crazy Heart”) – Ryan Bingham

COMPOSIZIONE

Miglior composizione strumentale
  • “The Path Among The Trees” (da “Autumn: In Moving Pictures Jazz – Chamber Music Vol. 2”) – Billy Childs Ensemble
Miglior arrangiamento strumentale
  • “Carlos” – John Scofield, Vince Mendoza & Metropole Orkest
Miglior arrangiamento strumentale con voci
  • “Baba Yetu” – Christopher Tin, Soweto Gospel Choir & Royal Philharmonic Orchestra

CONFEZIONI

Miglior confezione
  • “Brothers” – The Black Keys / art director Michael Carney
Miglior edizione limitata
  • “Under Great White Northern Lights (Limited Edition Box Set)” – The White Stripes /art director Rob Jones eJack White III

NOTE A CORREDO

Migliori note a corredo
  • “Keep An Eye On The Sky” – Big Star / note di Robert Gordon

STORIA

Miglior album storico
  • “The Beatles (The Original Studio Recordings)” – The Beatles

PRODUZIONE, NON CLASSICA

Miglior album prodotto (non classico)
  • “Battle Studies” – John Mayer
Produttore dell’anno (non classico)
  • Danger Mouse
    • “Broken Bells” – Broken Bells
    • “Dark Night Of The Soul” – Danger Mouse And Sparklehorse
    • “Tighten Up” – The Black Keys
Miglior opera remixata (non classica)
  • “Revolver (David Guetta’s One Love Club Remix)” – Madonna

PRODUZIONE, SUONO SURROUND

Miglior album con suono surround
  • “Britten’s Orchestra” – Michael Stern & Kansas City Symphony

PRODUZIONE, CLASSICA

Miglior album classico prodotto
  • “Daugherty: Metropolis Symphony” e “Deus Ex Machina” – Giancarlo Guerrero & Nashville Symphony Orchestra
  • “Porter, Quincy: Complete Viola Works” – Eliesha Nelson & John McLaughlin Williams
Produttore classico dell’anno
  • Steven Epstein
    • Britten’s Orchestra (Michael Stern & Kansas City Symphony)
    • Chambers, Evan: The Old Burying Ground (Kenneth Kiesler & The University Of Michigan Symphony Orchestra)
    • Dorman, Avner: Concertos For Mandolin, Piccolo, Piano And Concerto Grosso (Andrew Cyr, Eliran Avni, Mindy Kaufman, Avi Avital & Metropolis Ensemble)
    • The 5 Browns In Hollywood (5 Browns)
    • Mackey, Steven: Dreamhouse (Gil Rose, Rinde Eckert, Catch Electric Guitar Quartet, Synergy Vocals & Boston Modern Orchestra Project)
    • Meeting Of The Spirits (Matt Haimovitz)
    • Two Roads To Exile (ARC Ensemble)

CLASSICA

Miglior album classico
  • “Verdi: Requiem” – direttore d’orchestra Riccardo Muti – Ildar Abdrazakov, Olga Borodina, Barbara Frittoli & Mario Zeffiri; Chicago Symphony Orchestra; Chicago Symphony Chorus
Miglior performance orchestrale
  • “Daugherty: Metropolis Symphony; Deus Ex Machina” – direttore Giancarlo Guerrero (Terrence Wilson; Nashville Symphony)
Miglior registrazione operistica
  • “Saariaho: L’Amour De Loin” – direttore Kent Nagano (Deutsches Symphonie-Orchester Berlin; Rundfunkchor Berlin
Miglior performance corale
  • “Verdi: Requiem” – direttore Riccardo Muti (Ildar Abdrazakov, Olga Borodina, Barbara Frittoli & Mario Zeffiri; Chicago Symphony Orchestra; Chicago Symphony Chorus)
Miglior performance solista strumentale (con orchestra)
  • “Mozart: Concerti per pianoforte n. 23 e 24” – Mitsuko Uchida (The Cleveland Orchestra)
Miglior performance solista strumentale (senza orchestra)
  • “Messiaen: Livre Du Saint-Sacrement” – Paul Jacobs
Miglior performance di musica da camera
  • “Ligeti: String Quartets n. 1 e 2” – Parker Quartet
Miglior performance di una piccola orchestra
  • “Dinastia Borja” – direttore Jordi Savall (Pascal Bertin, Daniele Carnovich, Lior Elmalich, Montserrat Figueras, Driss El Maloumi, Marc Mauillon, Lluís Vilamajó & Furio Zanasi; Pascal Bertin, Daniele Carnovich, Josep Piera & Francisco Rojas)
Miglior performance classica vocale
  • “Sacrificium” – Cecilia Bartoli (Giovanni Antonini; Il Giardino Armonico)
Miglior composizione classica contemporanea
  • “Deus Ex Machina” – Michael Daugherty
Miglior album classico cross-over
  • “Christopher Tin: Calling All Dawns” – direttore Lucas Richman (Sussan Deyhim, Lia, Kaori Omura, Dulce Pontes, Jia Ruhan, Aoi Tada & Frederica von Stade; Anonymous 4 & Soweto Gospel Choir; Royal Philharmonic Orchestra)

VIDEO MUSICALI

Miglior video musicale – breve durata
  • “Bad Romance” – Lady Gaga
Miglior video musicale – lunga durata
  • “When You’re Strange” – The Doors

Premi speciali

MusiCares Person of the Year
  • Barbra Streisand
Lifetime Achievement Award
  • Julie Andrews
  • Roy Haynes
  • Juilliard String Quartet
  • The Kingston Trio
  • Dolly Parton
  • The Ramones
  • George Beverly Shea

 

Arcade Fire

Commenti»

1. michael scott - 14/02/2011

gli arcade fire!!!! grandissimi!!! e vedo pure new fang dei Them Crooked Vultures!!! contentissimo!!!

2. enry - 14/02/2011

Contento per i premi a Lady Gaga, Bruno Mars e Train.

Paolo - 14/02/2011

Ma quella canzone fotocopia di “Express Yourself”…?

enry - 14/02/2011

Che delusione!!!

JOY1963 - 14/02/2011

Insomma sei contento o deluso, tira vento forte dalle tue parti !!!!!!

Paolo - 14/02/2011

Datti una calmata, ciccio e sii educato che non sei in una cloaca!

enry - 14/02/2011

;-P Sono contento per i premi che ha ricevuto perchè ho apprezzato molto The Fame Monster… ma sono deluso dal nuovo singolo “Born this way” perchè è troppo simile al sopracitato pezzo di Madonna.
Chiaro?

JOY1963 - 14/02/2011

RAGAZZI IO SONO CALMISSIMOE ANCHE EDUCATISSIMO SEI TU CHE SEI ACIDA.
ADESSO CAPISCO PERCHE’ CI SONO SEMPRE POCHI COMMENTI CON DUE ARROGANTI COME VOI QUI SCAPPANO TUTTI.
PRESUNTUOSI.

Paolo - 14/02/2011

Troll!

cescocesto - 14/02/2011

per noi era già chiaro enry ;)

anch’io mi aspettavo molto di più dalla germanotta. non sono un fan, però la ritengo innovativa e molto forte come interpete, e la canzone in questione mi ha parecchio deluso.. i primi 30 secondi sono OTTIMI, poi scade un po’.

enry - 14/02/2011

Azz, meno male che sei educato!! Acida, arroganti, presuntuosi… mi sembra di sentire Vito ad Amici!
Che poi io ti avevo pure risposto educatamente, ma questa è la prova che quando uno cerca la polemica non ci sono santi che tengono…

3. JOY1963 - 14/02/2011

Io invece sono contento per i due grammy al maestro Riccardo Muti…………………..LADY GAGA ……….SIGH!!! CI VUOLE CORAGGIO, MA MOLTO CORAGGIO

4. Sim - 14/02/2011

contento per i premi a Rihanna, Eminem e LaRoux
i premi a Gaga oramai non si contano più..

5. alék--sandròs - 14/02/2011

Più che opportuno (e forse scontato) il Grammy a Jay-z/Alicia Keys per “Empire State Of Mind”. Forte!

6. cescocesto - 14/02/2011

son contento per gli acapella, la canzone è molto bella. dovrò recuperarmi questi arcade fire.

7. aliasmike - 14/02/2011

Contento per il Grammy ai Muse come miglor album rock con “The Resistance”.
Bene anche Rihanna, Eminem e JayZ/Alicia Keys.

Non apprezzo la Germanotta, quindi non sono d’accordo sul resto, ma d’altronde de gustibus non disputandum est…

8. Daniele - 15/02/2011

L’album dei Muse è pietoso. Gloria agli arcade e complimenti per il blog :-)
Questo è il mio pezzo sui Grammy…
http://goodbyezero.wordpress.com/2011/02/14/there-is-hope-quando-gli-arcade-e-gb%c3%b8-fregano-i-grammy/

9. MILEY FOREVER - 15/02/2011

miley cyrus è la migliore doveva vincere lei

10. Trisha - 15/02/2011

Contenta per Lady Gaga. ^_^

11. SUGO - 17/02/2011

ARCADE FIRE 10+
MUSE 10+
TRAIN- HEY SOUL SISTER ????
DOVEVANO VINCERE QUELLI DI GLEE!!!!
NESSUN RICONOSCIMENTO X LA POVERA KATY PERRY :(
E NEMMENO X I 30 SECONDS TO MARS :(

MOLTO DELUDENTE LADY GAGA :( CHE SIA GIA’ FINITA LA SUA ERA??? SPERO PROPRIO DI NO!

12. belieber 4 ever - 19/02/2011

x me doveva vincere justin bieber !!!

13. barbaman - 20/02/2011

mi aspettavo un premio a mj per this is it peccato


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: