jump to navigation

Dispersi d’estate (17) – Un musical per cantare i rischi delle droghe leggere. Primo tra tutti: il bigottismo 17/08/2011

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Dispersi d'estate, Film, Video e trailer.
trackback

Ogni anno nel mondo vengono prodotti circa 25 mila film. In Italia ne arrivano a malapena 500. Gli altri si disperdono nei buchi neri della distribuzione. Hideout.it da anni si occupa di recuperare il buono dei dispersi con rassegne, un sito, un festival e il libro “Dispersi. Guida ai film che non vi fanno vedere”. Nell’indolenza dell’estate, un buon film rinfresca più di un ghiacciolo, perché un disperso al giorno toglie l’afa di torno…

Un musical per cantare i rischi delle droghe leggere. Primo tra tutti: il bigottismo

La parodia di un film propagandistico del 1936 diventa una divertentissima commedia musicale, che affonda una stoccata alla cultura americana, dipinta come bigotta, chiusa in se stessa, fondata sulla paura e pronta a gettarsi in battaglie al limite dell’assurdo. Finalmente Kristen Bell (Veronica Mars) può mostrare tutto il proprio talento.

Titolo: “Reefer Madness: The Movie Musical”
Regia: Andy Fickman
Sceneggiatura: Kevin Murphy, Dan Studney
Fotografia: Jan Kiesser
Montaggio: Jeff Freeman
Musica: David Manning, Nathan Wang
Interpreti principali: Kristen Bell, Christian Campbell, Neve Campbell, Alan Cumming, Ana Gasteyer, John Kassir, Amy Spanger, Robert Torti, Steven Weber
Produzione: Showtime, Dead Old Man, Apolloscreen, Middle Fork Productions
Origine: Usa / Germania / Canada, 2005
Durata: 109′
Colore


Recensione di Francesca Bertazzoni, apparsa originariamente qui

Mary Lane e Jimmy Harper sono due giovani fidanzatini che vivono in una pacifica cittadina americana negli anni Cinquanta. Il buon Jimmy però viene raggirato da un uomo che lo rende schiavo della marijuana con l’inganno. I due ragazzi vengono trascinati in una avventura allucinata che finirà in una tragedia canterina.

Se vuoi vedere il film con la traduzione italiana, scarica i sottotitoli su ItalianSubs

Tutto ha inizio nel 1936, in una scuola dove un uomo del governo americano mostra a un gruppo di genitori un film educativo sul più grande pericolo che incombe sui loro figli: la cannabis. Per la sua opera di convincimento, l’ottuso federale si serve di un filmato intitolato Tell Your Children!, ambientato curiosamente negli anni Cinquanta e ispirato a un documento pubblicato sul San Francisco Examiner di William Randolph Hearst (l’editore su cui Orson Welles modellò nel 1941 il personaggio di Kane in Quarto Potere). Un divertente gioco citazionista che non ha nulla a che vedere con le incongruenze storiche presenti, così palesi da diventare subito satiriche.

Siamo nell’ambito della commedia musicale, un genere che nel 2005, anno di produzione del film, poteva sembrare superato. E invece si dimostra il mezzo migliore per affondare una stoccata alla cultura americana, qui dipinta come bigotta, chiusa in se stessa, fondata sulla paura e pronta a gettarsi in battaglie al limite dell’assurdo.

Estremizzando il loro lato paranoide, il regista riesce a portare alla luce i difetti degli Stati Uniti con un sorriso, che subito si trasforma in un ghigno di inquietudine. Nel suo mettere in scena la follia da spinello, il regista chiama in causa tanto gli zombie di Romero quanto i balletti di Grease (Randal Kleiser, 1978), riuscendo miracolosamente a mantenere un equilibrio perfetto. Il delirio citazionistico si addice perfettamente al tema allucinogeno: lo sguardo si sposta da una location all’altra senza bisogno di una motivazione razionale, ma seguendo appunto la frenesia che si suppone indotta dalla droga.

In un certo senso, la mente e l’occhio di chi guarda vengono liberati, lasciati vagare tra una scena e l’altra proprio come se fossero sotto l’effetto di qualche strana sostanza. Perché certamente la sostanza ha fatto effetto: la cornice narrativa dentro cui si sviluppa la storia va perdendosi verso la fine della pellicola, tanto il musical finisce con una fiamma che sembra bruciare la pellicola.

Se è vero, come cantano in coro tutti i personaggi attorno a un fuoco da Ku Kux Klan, che “il fine giustifica i mezzi”, sembra proprio che l’America sia rimasta vittima delle sue stesse paure.

Curiosità
Refeer Madness è realmente il titolo un film propagandistico del 1936, diretto da Louis J. Gasnier, che si proponeva di avvertire i genitori americani dei pericoli nascosti nell’uso della marijuana, considerata “il vero nemico pubblico numero uno d’America”. Non avendo avuto alcun successo, si cercò di renderlo più appetibile con argomenti caldi come promiscuità sessuale e violenza.


Trailer originale:

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: