jump to navigation

Dispersi d’estate (19) – Il mostro di Loch Ness esiste davvero e l’ha filmato Werner Herzog 19/08/2011

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Dispersi d'estate, Film, Video e trailer.
trackback

Ogni anno nel mondo vengono prodotti circa 25 mila film. In Italia ne arrivano a malapena 500. Gli altri si disperdono nei buchi neri della distribuzione. Hideout.it da anni si occupa di recuperare il buono dei dispersi con rassegne, un sito, un festival e il libro “Dispersi. Guida ai film che non vi fanno vedere”. Nell’indolenza dell’estate, un buon film rinfresca più di un ghiacciolo, perché un disperso al giorno toglie l’afa di torno…

Il mostro di Loch Ness esiste davvero e l’ha filmato Werner Herzog

Zak Penn e Werner Herzog giocano con la cinepresa a provocare lo spettatore. Cosa è vero? Cosa è falso? Un film che da gioco si trasforma in pura riflessione sul linguaggio del cinema e sull’etica del documentario. Un’opera inaspettata che sorprende per la sua originalità. Divertendo.

Titolo: “Incident at Loch Ness”
Regia: Zak Penn
Sceneggiatura: Werner Herzog, Zak Penn
Fotografia: John Bailey
Montaggio: Abby Schwarzwalder, Howard E. Smith
Musica: Henning Lohner
Interpreti principali: Werner Herzog, Kitana Baker, Gabriel Beristain, Russell Williams, David A. Davidson, Jeff Goldblum
Produzione: Eden Rock Media
Origine: Gran Bretagna, 2004
Durata: 94′
Colore


Recensione di Carlo Prevosti, apparsa originariamente qui

Il regista Zak Penn decide di fare un ritratto di Werner Herzog mentre sta lavorando, con un team di esperti, a un progetto su Loch Ness. La spedizione non lavora a dovere e si creano numerosi screzi personali. Il film di Herzog prende una piega inaspettata quando le acque del lago scozzese si increspano. Ma un incidente provoca la morte di due dei membri della troupe e tutto si complica.

Se vuoi vedere il film con la traduzione italiana, scarica i sottotitoli su ItalianSubs

C’è il preciso intento di confondere la realtà con la finzione in questo film firmato a quattro mani dallo sceneggiatore di blockbuster Zak Penn (all’esordio in regia) e dal grande documentarista Werner Herzog, i cui lavori sono da sempre in bilico sul labile confine che divide la realtà dalla fiction.

Incident at Loch Ness descrive con una precisa estetica la storia del making (e un-making) of di un nuovo progetto del celebre regista tedesco, incentrato sul mito del mostro di Loch Ness. Nell’estate del 2003, Herzog è impegnato nel nord della Scozia per documentare le ricerche sul mistero irrisolto della creatura che abiterebbe i fondali del lago. Il film avrebbe dovuto intitolarsi L’enigma di Loch Ness. John Bailey, un giovane regista, nello stesso periodo è impegnato nel progetto di un ritratto dedicato al lavoro dello stesso regista, titolo previsto Herzog in Wonderland. Herzog accetta le cineprese del collega sul set, in modo da offrire una sorta di backstage del suo modo di girare, un privilegio non concesso certo a chiunque. Nessuno può immaginare come potrebbe concludersi il documentario di Herzog, nessuno ha mai visto Nessi, il leggendario mostro. La spedizione, come purtroppo accade, sembrerebbe indirizzata verso un totale fallimento, gli animi si scaldano e lo scontro tra le diverse anime del gruppo è inevitabile, ma il produttore di Bailey ha in mente qualcosa per trasformare il documentario in un vero e proprio scoop.

Incident at Loch Ness è, per dirla in breve, un falso documentario su un documentario falso, ma volendo essere più profondi possiamo definirlo un vero saggio teorico sul valore della realtà nel campo del documentario. Non a caso Herzog, nel bellissimo Grizzly Man, aveva già analizzato con grande acume il rapporto etico che nel documentario deve essere mantenuto tra osservatore e oggetto dell’osservazione. In questo film ribalta le carte in tavola e sceglie di analizzare a quattro mani con Penn il modo in cui l’oggetto in questione possa essere manipolato a priori, ovvero anche nei confronti dello stesso regista. In altre parole, chi osserva potrebbe non vedere la realtà, consciamente o inconsciamente, ma solo una manipolazione di essa. Il ragionamento si fa più concreto nella consapevolezza che in questo modo risulta ulteriormente amplificato l’impianto teorico alla base di Lo spazio blu profondo – The Wild Blue Yonder, documentario in cui il regista ha fortemente (ed esplicitamente) manipolato immagini documentarie per raccontare una storia di fantascienza.

Curiosità
Il film è stato ideato da Zak Penn. Come rivela lo stesso Penn, in un contenuto speciale nascosto nell’edizione in dvd del film (inedito in Italia), la vicenda è stata costruita attraverso uno scriptment (una via di mezzo tra una sceneggiatura e un trattamento) in cui lo stesso Herzog è stato libero di contribuire, improvvisando sulla base di un esile canovaccio. Il film però è nato mentre l’ufficio stampa di Herzog comunicava ufficialmente il suo progetto su Loch Ness, un hoax a tutti gli effetti. Nessuno degli esperti presenti nel film è un attore: molti erano addirittura convinti realmente di partecipare a un progetto per un documentario.


Trailer originale:

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: